Giornata della Memoria

Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria per ricordare i milioni di vittime sterminate nei campi di concentramento nazi-fascisti.

Ma quanta “memoria” conserviamo oggi di quel massacro e quanto questa serve a prevenire, o perlomeno a essere consapevoli, dell’odio e della violenza sistemica che subiamo quotidianamente sulle nostre vite?

C’eravamo anche noi tra le persone oppresse, deportate, internate e ammazzate.

Noi oggi abbiamo la responsabilità di lottare consapevolmente partendo dalle macerie di una storia macchiata dai nostri morti e lo facciamo per noi, per tutte le comunità marginalizzate e anche per coloro che non riuscirono a parlare e a raccontare perchè già prima del nazista era in vigore il Paragrafo 175 che criminalizzava i “rapporti contro natura” e dopo fu alleggerito nel ’69 e solo nel ’94 venne del tutto abrogato.

Senza dover ribadire che in numerosissimi Stati del mondo le persone queer sono ancora perseguite penalmente, a volte anche con la morte, rimanendo in Italia, la cultura del purismo etnico è ancora fortemente presente in ogni affermazione e legge razzista, queerfobica e misogina sulle tribune culturali e politiche, che assorbiamo talvolta anche senza accorgercene.

“Per questo I triangoli rosa e neri ci appartengono, li abbiamo ancora cuciti addosso e li rivendichiamo perché gli stermini e l’odio nei nostri confronti non sono ancora cessati.
Chiediamo a gran voce la libertà di esistere e se non viene riconosciuta la nostra esistenza giuriamo la nostra Resistenza.”

Oggi e negli altri 364 giorni dell’anno.

Share:

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On Key

Post correlati

Il tuo 5×1000 a Love My Way

Credi in un attivismo queer intersezionale antirazzista, antiabilista, transfemminista, per la giustizia ecologica e sociale, antifascista e dal basso? Hai avuto modo di partecipare alle

Calendario di Maggio

Ecco il calendario di maggio.Siamo già stat3 in piazza per la visibilità delle soggettività lesbiche, lo saremo insieme al collettivo di fabbrica ex-GKN. Inoltre riapriremo

TDOV 2024

Ad una narrazione di sofferenza come unica caratteristica della comunità trans vogliamo contrapporre la visibilità delle nostre vite, dei nostri corpi, delle nostre scelte, della